Recuperatore di calore a flussi incrociati

Recuperatore di calore a flussi incrociati

Come funziona uno scambiatore di calore a flusso incrociato

Uno scambiatore di calore a flussi incrociati scambia energia termica da un flusso d’aria a un altro in un’unità di trattamento dell’aria (AHU). A differenza di uno scambiatore di calore rotante, uno scambiatore di calore a flussi incrociati non scambia umidità e non c’è il rischio di cortocircuitare i flussi d’aria.

Uno scambiatore di calore a flussi incrociati è utilizzato in un sistema di raffreddamento e ventilazione che richiede il trasferimento di calore da un flusso d’aria all’altro. Uno scambiatore di calore a flusso incrociato è fatto di pannelli metallici sottili, normalmente di alluminio. L’energia termica viene scambiata attraverso i pannelli. Uno scambiatore di calore a flusso incrociato tradizionale ha una sezione quadrata. Ha un’efficienza termica del 40-65%. Uno scambiatore di calore in controcorrente o a doppio flusso incrociato può essere utilizzato se sono richieste efficienze termiche maggiori, in genere fino al 75-85%.

In alcuni tipi di scambiatori, l’aria umida può raffreddarsi fino al punto di congelamento, formando ghiaccio. Un flusso incrociato è tipicamente meno costoso di altri tipi di scambiatori di calore. Viene normalmente utilizzato dove le norme igieniche richiedono che entrambi i flussi d’aria siano tenuti completamente separati l’uno dall’altro. È spesso usato in installazioni di recupero di calore in grandi mense, ospedali e nell’industria alimentare. A differenza di uno scambiatore di calore rotante, uno scambiatore di calore a flusso incrociato non scambia umidità.

Scambiatore di calore a fascio tubiero incrociato

Gli scambiatori di calore aria-aria sono utilizzati sia per il recupero di calore ed energia nelle applicazioni di ventilazione, sia in soluzioni di raffreddamento a circuito chiuso per la gestione termica. Ci sono due categorie di scambiatori di calore aria-aria, quelli rotanti e quelli a piastre.

  Recupero account amazon

Uno scambiatore di calore a piastre funziona con un processo piuttosto semplice. Due piastre di alluminio vicine creano dei canali per il passaggio dell’aria. L’aria di alimentazione passa su un lato della piastra e l’aria di scarico sull’altro lato. Il calore dell’aria di scarico viene trasferito attraverso la piastra dall’aria più calda a quella più fredda.

Un parametro molto importante per le prestazioni di uno scambiatore di calore a piastre è la distanza tra le piastre. Un canale stretto porta ad un’alta caduta di pressione ma anche ad un’alta efficienza. Quest’ultima significa che viene trasferito più calore al lato freddo. Se è richiesta una caduta di pressione più bassa, è meglio usare una distanza maggiore tra i canali. Il compromesso è una minore efficienza.

I due tipi più comuni di scambiatori di calore aria-aria a piastre sono scambiatori di calore a flusso incrociato e a flusso inverso. In uno scambiatore di calore a flusso incrociato l’aria fredda e quella calda scorrono perpendicolarmente l’una all’altra. Negli scambiatori in controcorrente, i due flussi d’aria scorrono in direzione opposta ad uno.

Flusso incrociato vs flusso parallelo

SEH Aria di scarico nel locale singoloSET Aria di estrazione nel locale singoloSRO Aria esterna nel locale singoloSRS Aria di mandata nel locale singoloSEC Aria secondaria1 Involucro2 Pannello di accesso per ispezione scambiatore di calore a recupero3 Pannello di accesso per ispezione filtro aria di estrazione ISO grosso 55 %4 Pannello di accesso per ispezione filtro aria esterna ISO ePM1 65 %5 Valvole compresi attuatori6 Detentori7 Bacinella di raccolta condensa compreso scarico8 Sensore temperatura aria di mandata (opzionale)9 Scambiatore di calore10 Comandi, pannello di ispezione11 Possibilità di collegamento per il sistema di controllo da parte di terzi12 Piedi di livellamento13 Staffe di fissaggio14 Sensore della temperatura dell’aria esterna (opzionale)15 Apertura per l’aria esterna inclusa guarnizione

  Recuperare foto cancellate dal cestino

FSL-CONTROL III è descritto come un’apparecchiatura di controllo stand-alone per una singola stanza con un semplice timer. Espansioni opzionali, come il collegamento al BMS centrale in loco tramite Modbus TCP / Modbus RTU, BACnet MS/TP o BACnet IP, sensori di umidità, sensori di temperatura di ritorno, attuatori di valvole elettromeccaniche o valvole di regolazione indipendenti dalla pressione sono inclusi nella gamma di prodotti, ma devono essere sostituiti dai componenti standard nella descrizione seguente. È necessario anche un segnale di temperatura ambiente. A tal fine sono disponibili diversi pannelli di controllo e sensori ambiente. I corrispondenti moduli di testo degli apparecchi opzionali si trovano nell’appendice della seguente dotazione standard per il funzionamento autonomo del locale. Consigliamo la messa in funzione da parte del nostro servizio tecnico. Troverete i relativi moduli di testo qui di seguito.

Formula dello scambiatore di calore a flusso incrociato

Uno scambiatore di calore a flusso incrociato scambia energia termica da un flusso d’aria a un altro in un’unità di trattamento dell’aria (AHU). A differenza di uno scambiatore di calore rotante, uno scambiatore di calore a flusso incrociato non scambia umidità e non c’è il rischio di cortocircuitare i flussi d’aria.

  Pesci legno recupero

Uno scambiatore di calore a flussi incrociati è utilizzato in un sistema di raffreddamento e ventilazione che richiede il trasferimento di calore da un flusso d’aria all’altro. Uno scambiatore di calore a flusso incrociato è fatto di pannelli metallici sottili, normalmente di alluminio. L’energia termica viene scambiata attraverso i pannelli. Uno scambiatore di calore a flusso incrociato tradizionale ha una sezione quadrata. Ha un’efficienza termica del 40-65%. Uno scambiatore di calore in controcorrente o a doppio flusso incrociato può essere utilizzato se sono richieste efficienze termiche maggiori, in genere fino al 75-85%.

In alcuni tipi di scambiatori, l’aria umida può raffreddarsi fino al punto di congelamento, formando ghiaccio. Un flusso incrociato è tipicamente meno costoso di altri tipi di scambiatori di calore. Viene normalmente utilizzato dove le norme igieniche richiedono che entrambi i flussi d’aria siano tenuti completamente separati l’uno dall’altro. È spesso usato in installazioni di recupero di calore in grandi mense, ospedali e nell’industria alimentare. A differenza di uno scambiatore di calore rotante, uno scambiatore di calore a flusso incrociato non scambia umidità.

Esta web utiliza cookies propias para su correcto funcionamiento. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos. Más información
Privacidad