Rimozione cerchiaggio rotula tempi di recupero

Rimozione cerchiaggio rotula tempi di recupero

Tempo di recupero dopo la rimozione del filo k della rotula

La rotula, chiamata anche rotula, può fratturarsi durante un trauma diretto: una caduta sul ginocchio, un incidente stradale, ecc. Secondo il tipo di incidente e la sua energia, la frattura può essere orizzontale, verticale o complessa. Può essere spostata o meno (in situ).

Quando la rotula è fratturata, il dolore è forte e la pelle può essere danneggiata dal trauma. Se la frattura è spostata, il ginocchio si gonfia immediatamente e l’estensione attiva del ginocchio è impossibile.

Un trattamento conservativo è indicato per le fratture in situ (non dislocate), e per le fratture verticali perché meccanicamente non interrompono il meccanismo estensore del ginocchio. Il paziente deve camminare con le stampelle per portare parzialmente il peso, e la fisioterapia aiuterà a mantenere il range di movimento del ginocchio e il tono muscolare: il protocollo esatto si adatta al tipo di frattura e l’obiettivo è quello di far guarire la frattura senza ottenere rigidità del ginocchio.

Un trattamento chirurgico è obbligatorio quando la frattura è trasversale (orizzontale) e spostata perché il meccanismo estensore del ginocchio è interrotto: questo tipo di frattura non può guarire da sola e deve essere fissata con un’osteosintesi utilizzando fili di K e cerchiaggio. I frammenti devono essere ridotti anatomicamente perché la parte profonda della rotula fa parte dell’articolazione, coperta dalla cartilagine. L’osteosintesi deve essere fatta in emergenza, soprattutto se la pelle è fragile o è stata danneggiata durante l’incidente.

  Frasi per recuperare un rapporto

Tempo di recupero della rotula fratturata senza intervento chirurgico

Corrispondenza a: Jegyun Chon, MD. Dipartimento di chirurgia ortopedica, Daejeon Sun Hospital, 29 Mokjung-ro, Jung-gu, Daejeon 34811, Corea. Tel: +82-42-220-8860, Fax: +82-42-220-8464, Email: knee@hanmail.net

Questo è un articolo ad accesso aperto distribuito secondo i termini della Creative Commons Attribution Non-Commercial License (http://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0) che permette l’uso non commerciale illimitato, la distribuzione e la riproduzione con qualsiasi mezzo, purché il lavoro originale sia adeguatamente citato.

Nelle fratture rotulee comminute, abbiamo eseguito un cablaggio a banda di tensione modificato utilizzando un FiberWire (Arthrex) invece dei metodi convenzionali. Da marzo 2016 a marzo 2018, 63 pazienti con fratture rotulee che necessitavano di un trattamento chirurgico sono stati trattati con un cablaggio modificato della fascia di tensione utilizzando due fili di Kirschner (K-wires) e FiberWire. Abbiamo inserito due fili di K da 1,6 mm perpendicolarmente alla linea di frattura dopo una riduzione accurata. Con il ginocchio flesso oltre 90°, abbiamo suturato intorno alla rotula usando un FiberWire. Il punteggio della scala analogica visiva e il punteggio di Levack sono stati migliorati dopo l’intervento. Il tempo medio di unione ossea era di 5,6 mesi. Nessuno dei pazienti ha avuto la rottura dei fili, e la non unione con deformità si è verificata in un paziente. Pensiamo che il nostro metodo possa essere più facile da gestire e ridurre l’irritazione o la rottura dei fili rispetto ai metodi convenzionali. Inoltre, la riabilitazione precoce può essere consentita. Pertanto, suggeriamo che questo metodo potrebbe essere un metodo utile per il trattamento delle fratture rotulee.

  Tempi di recupero dopo cifoplastica

Trattamento della frattura scomposta della rotula

Autore corrispondente: Dr. Kyu Hyun Yang, Dipartimento di Chirurgia Ortopedica, Gangnam Severance Hospital, 211 Eonju-ro, Gangnam-gu, Seoul 135-720, Corea. Tel: 82-2-2019-3414, Fax: 82-2-573-5393, kyang@yuhs.ac

Questo è un articolo ad accesso aperto distribuito secondo i termini della Creative Commons Attribution Non-Commercial License (http://creativecommons.org/licenses/by-nc/3.0/) che permette l’uso non commerciale illimitato, la distribuzione e la riproduzione con qualsiasi mezzo, purché il lavoro originale sia adeguatamente citato.

Tra i pazienti di età superiore ai 50 anni, il solo cablaggio verticale separato può essere insufficiente per la fissazione delle fratture del polo inferiore della rotula. Pertanto, sono stati eseguiti studi meccanici e clinici in pazienti di età superiore ai 50 anni per testare la resistenza dell’aumento del cablaggio verticale separato con filo di cerchiaggio (cioè, tecnica combinata).

Sono state eseguite osteotomie multiple per creare fratture in quattro parti nei poli inferiori di otto coppie di rotule cadaveriche. Una rotula di ogni coppia è stata fissata con la tecnica di cablaggio separata, mentre l’altra rotula è stata fissata con una tecnica combinata. Successivamente sono stati misurati il carico finale fino al cedimento e la rigidità della fissazione. In uno studio clinico su 21 pazienti (età media di 64 anni), le fratture comminute del polo inferiore della rotula sono state trattate con la tecnica combinata. Sono stati registrati i parametri operativi in base ai quali sono stati valutati gli esiti post-operatori.

Rimozione del filo di cerchiaggio

Tabella 1 Dati demografici, esiti clinici e complicazioni postoperatorie dei pazienti sottoposti a riduzione a cielo aperto e fissazione interna con una tecnica di cablaggio a bande tese con sutura FiberWireTabella completa

  Come recuperare un file word cancellato

RiferimentiScaricare i riferimentiStandard eticiTutti i pazienti hanno dato il consenso informato prima dell’inclusione nello studio. Lo studio è stato autorizzato dal comitato etico locale ed è stato eseguito in conformità con gli standard etici della Dichiarazione di Helsinki del 1964, rivista nel 2000.

Open Access Questo articolo è distribuito secondo i termini della Creative Commons Attribution 4.0 International License (http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/), che consente l’uso illimitato, la distribuzione e la riproduzione con qualsiasi mezzo, a condizione che si dia adeguato credito all’autore originale (s) e la fonte, fornire un link alla licenza Creative Commons, e indicare se sono state apportate modifiche.

J Orthopaed Traumatol 17, 75-80 (2016). https://doi.org/10.1007/s10195-015-0359-6Download citazioneCondividi questo articoloChiunque condivida il seguente link con sarà in grado di leggere questo contenuto:Ottieni link condivisibileSfortunatamente, un link condivisibile non è attualmente disponibile per questo articolo.Copia negli appunti

Esta web utiliza cookies propias para su correcto funcionamiento. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos. Más información
Privacidad